sabato 1 giugno 2013

Casale Monferrato, l'amianto non perdona

Processo Eternit, lunedì prossimo a Torino è attesa la sentenza di appello. Con la morte del barone belga Louis De Cartier, sul banco degli imputati rimane il magnate svizzero Stephan Schmidheiny, condannato in primo grado a 16 anni


Ad aspettarli ci sarebbe stato ancora l'amianto. Superarono quel confine tra Italia e Jugoslavia che aveva pochi giorni e lasciarono il loro paese, Salona d'Isonzo, che stava cambiando il nome in Anhovo. Era da poco finita la guerra, quando il 3 marzo del 1947, Romana Blasotti, che quel giorno compiva 18 anni, e i suoi familiari partirono, con pochi averi, alla volta del Piemonte. Papà Ottavio lasciava il lavoro in una fabbrica di manufatti a base d'amianto. Arrivarono a Casale Monferrato e lì fu assunto all'Eternit. Non subito (era sempre comunque un profugo), dopo cinque mesi. Stesse modalità produttive, stesso veleno. Romana si sposò un anno dopo con il Mario (Pavesi): «Lo conobbi una domenica pomeriggio, non credevo guardasse proprio me. Invece, scattò qualcosa. Ancora adesso penso sia stata una persona a cui valeva la pena volere bene. Entrò anche lui all'Eternit nel 1958. E fu la sua fine».
Nel 1956 Bruno Pesce iniziava, a soli 14 anni, il lavoro da garsunin in un laboratorio orafo a Valenza. «Una delle prime cose che mi dissero fu “prendi quella lastra d'amianto e usala per saldare”. Sembrava cartone, grigiastro, era crisotilo pressato, meno pericoloso dell'amianto blu che si lavorava nello stabilimento di Casale, ma sempre cancerogeno. Certo, ai tempi non lo sapevo». A 22 anni era già sindacalista, Fiom. Nel 1969, Nicola Pondrano, una notte - mentre tornava dalla visita per il servizio di leva all'ospedale militare di Genova e prima di riprendere il cammino verso Vercelli, dove abitava - si fermò vicino allo stadio insieme a due amici: «A un certo punto veniamo abbagliati dai fanali di centinaia di biciclette. Operai. Girano l'angolo e vanno verso il Ronzone. Passano e lasciano per terra una scia bianca. Polvere, tanta polvere. Li seguiamo, pedalano in fretta, riusciamo solo a vedere una scritta, «Eternit». Poi, il buio riprende il sopravvento. Quelle scie bianche, senza comprendere cosa fossero, non lo dimenticherò più».
Romana, presidente dell'Afeva (l'associazione dei familiari), Bruno, coordinatore della vertenza amianto, a lungo segretario della Camera del lavoro di Casale, e Nicola, ex operaio Eternit, sindacalista e presidente del Fondo vittime amianto, sono i tre principali protagonisti di una lotta più che trentennale. Lunedì sarà il giorno della sentenza d'appello nei confronti della testa della multinazionale dell'amianto, al maxi processo di Torino che è seguito all'indagine del pool di Raffaele Guariniello: 3000 vittime fino al 2008 (2200 morti e 800 malati), tuttora in aumento (sono oltre 50 i casi annuali di mesotelioma solo a Casale). Con la recente morte di uno dei due imputati, il barone belga Louis De Cartier, che non ha mai sborsato un euro per risarcire le vittime (a rischio, infatti, i risarcimenti di 1500 parti civili sulle 2800 totali), sul banco degli imputati rimane il magnate svizzero Stephan Schmidheiny, condannato in primo grado a 16 anni per disastro ambientale doloso permanente e per omissione volontaria di cautele antinfortunistiche.
Da Casale arriveranno, come a ogni udienza, i pullman carichi di familiari e attivisti. Pure da Cavagnolo, dove c'era uno dei quattro stabilimenti Eternit italiani, e molto probabilmente da Rubiera, che, in primo grado, aveva visto, come Bagnoli, prescritti i reati riferiti al proprio territorio. Ci saranno le Voci della memoria, una giovane associazione di Casale che con Luca e Diego e tanti altri ha messo in connessione storie di lavoro, di movimento, di lotta. Partendo dall'Eternit, una fabbrica in cui un tempo trovare lavoro era come entrare in banca: «Ti regalava pure il polverino, gli scarti per pavimentare i cortili. Altro veleno».
Dello stabilimento di via Oggero, dove la pianura lascia spazio alla collina e la scritta rossa «Eternit» si vedeva da lontano, non c'è più nulla, se non la palazzina degli uffici, lasciata in piedi quasi come monito perché una tragedia simile non si ripeta. Nicola ci entrò per la prima volta l'11 settembre 1974. Nato il 12 giugno, lo stesso giorno – 28 anni dopo - di Mario Pavesi, ne raccoglierà il testimone da delegato sindacale. Comunista un po' anarchico, era un ragazzone che non stava zitto. «Sei venuto a morire anche tu?» gli disse un giorno, seduto su un sacco di amianto, uno dei facchini più anziani, Piero Marengo. Capì presto di non trovarsi in un posto normale. I manifesti da morto che ogni giorno vedeva ai cancelli della fabbrica, il rapporto con il prete operaio Bernardino Zanella – con cui aveva mappato i problemi dell'azienda - fecero crescere in Nicola una nuova consapevolezza. «Era venuto il momento di lottare contro la fabbrica della morte. Non si poteva più morire di lavoro». L'incontro con Bruno, nel 1979, diede il via alla vertenza amianto. Nel sollevare problemi ambientali, spesso tabù, furono un'avanguardia nel sindacato: Pesce alla Camera del Lavoro e Pondrano all'Inca Cgil, che andò a dirigere nel 1980, dove era consulente medico una giovane e tenace oncologa Daniela Degiovanni, tuttora figura cardine nella lotta. Iniziarono esposti, denunce, convegni, indagini epidemiologiche. La richiesta di giustizia, bonifica e ricerca. E la fabbrica chiuse nel 1986.
Ci vollero anni prima che Casale, nel suo letargo prettamente piemontese, si accorgesse della strage in corso. Romana divenne presidente dell'associazione dopo la morte del marito, per mesotelioma,ò nel 1983. Il primo, l'unico che aveva lavorato all'Eternit, dei cinque suoi familiari che la bestia (come a Casale chiamano questo tumore) le ha portato via: Libera, la sorella; Giorgio, il nipote; Anna, la cugina che viveva in Slovenia, e, infine, la figlia Maria Rosa. «È stata la più dura. Era triste, capitava che litigassimo. L'ultimo giorno ci siamo guardate negli occhi, i suoi erano grandi e belli, non ci siamo parlate, ma ci siamo dette tutto». Nonostante il dolore le abbia asciugato le lacrime, Romana lotta ogni giorno con una forza incredibile, perché ci sia giustizia. E perché «lunedì venga confermato il dolo».
«Non ci siamo mai persi d'animo – racconta Pesce - il processo di Torino ha una lunga storia. Bisogna tornare ai primi anni Duemila quando l'epidemiologo padovano, Enzo Merler, impegnato in un'indagine sugli immigrati in Svizzera ammalatisi una volta tornati in Italia (dopo aver lavorato nella fabbrica Eternit di Niederurnen), segnalò al pm Guariniello, un magistrato esperto, il caso di un torinese. A Casale, dove un processo dieci anni prima aveva portato magri risultati, si accese la speranza. Partì una mobilitazione che coinvolse anche le altre località dove risiedeva l'Eternit, come Cavagnolo, su cui ha competenza la Procura di Torino. Costruimmo un maxiesposto con un migliaio di nomi di ammalati e morti per l’amianto che depositammo in Procura nel 2004. Finalmente ci sarebbe stato un processo sul ruolo della multinazionale e in grado di considerare anche le vittime tra i cittadini».
Il 6 aprile 2009 è iniziata l'udienza preliminare. Pondrano è stato nel processo il teste principale dell'accusa. Il 13 febbraio del 2012 è arrivata la sentenza di primo grado per un disastro immane che, secondo l'accusa, è conseguenza cosciente della condotta imprenditoriale dei due imputati.

5 commenti:

PAOLO REBUFFO DI RISCHIOCALCOLATO.IT ha detto...

IL (PURE) NOTO PEDOFIL-O-MOSESSUALE PAOLO BARRAI DI CRIMINALISSIMA WORLD MAN OPPORTUNITIES LUGANO, CRIMINALISSIMA WMO SA PANAMA, CRIMINALISSIMA BSI ITALIA SRL DI VIA SOCRATE 26 MILANO E CRIMINALISSIMO BLOG MERCATO "MERDATO" LIBERO, FA AZZERARE I RISPARMI DI TUTTI, SEMPRE! INDAGATO DA PROCURA DI LUGANO IN SVIZZERA! INDAGATO DA 7 PROCURE ITALIANE, DA POLIZIA ITALIANA E GUARDIA DI FINANZA ITALIANA! INDAGATO DA EUROPOL ED INTERPOL! CON, SUL GROPPONE, BEN 70.000 EURO DI MULTA DA PARTE DI CONSOB! CONDANNATO A GALERA IN MILANO! CONDANNATO AD 8 ANNI DI CARCERE IN BRASILE! INDAGATO PESANTISSIMAMENTE A PANAMA! NOTO NAZIRAZZISTA ASSASSINO DEL KU KLUK KLAN PADANO, SVIZZERO, INGLESE ED AMERICANO!

1
Siamo un foltissimo guppo di risparmiatori truffati dal criminale, gia' tre volte in galera, Paolo Barrai di malavitosissime societa' Bsi Italia srl, Wmo Sa Panama, World man opportunities Lugano!
Multato da Consob per ben 70.000 euro per sue mega frodi su fotovoltaico
https://it.linkedin.com/in/figlioditroia-paolo-barrai-ladro-truffatore-azzerarisparmi-257b92119
https://it.linkedin.com/in/sborratoinculo-paolo-barrai-pedofilomosessuale-bsi-italia-srl-4565b8100?trk=pub-pbmap
http://www.bluerating.com/trading/179-promotori/28601-qmultaq-da-70mila-euro-per-un-ex-promotore-che-ha-violato-gli-obblighi-informativi.html
http://www.consob.it/main/documenti/hide/afflittivi/pec/mercati/2013/d18579.htm
Condannato al carcere in Brasile per estorsioni, stalking via internet, minacce di morte, pedofilia omosessuale, ladrate, truffe, mega riciclaggio di proventi mafiosi, propaganda nazista e razzista, come questi articoli, pero', di appena inizio indagine, dimostrano... poi, il tutto e' divenuto, ben appunto condanna al carcere e per tanti anni... ovvio che il Renato Vallanzasca della finanza mondiale, Paolo Barrai, in Brasile non mette piu' piede... ha paura delle gattabuie locali
http://www.portonewsnet.com.br/?mw=noticias&w=2996
http://4.bp.blogspot.com/-aqbT4KlYsmw/TcLbvUUpkeI/AAAAAAAAAe4/TiDPLR0LH_U/s1600/barrai+ind-pag01.jpg
http://www.osollo.com.br/online/index.php/crimes/3052-blogueiro-italiano-sera-indiciado-por-estelionato-calunia-e-difamacao-pela-policia-civil-de-porto-seguro
http://noticiasdeportoseguro.blogspot.mx/2011/03/quem-e-pietro-paolo-barrai.html
http://portoseguroagora.blogspot.mx/2011/03/porto-seguro-o-blogueiro-italiano-sera.html
Gia' cacciato malissimamente da Citibank Milano e fatto condannare al carcere da Citibank MIlano... il criminalissimo funzionario di Citibank Milano di cui si scrive in questo articolo che parla di immense ruberie fiscali, era l'avanzo di galera Paolo Barrai stesso
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2001/02/19/maxi-evasione-da-400-miliardi-terenzio-sotto-torchio.html.
Come dicevo, siamo un foltissimo gruppo di risparmiatori truffati da incapace, delinquente, ladro, nazista, razzista, antisemita, sempre falso, vigliacchissimo, mega cocainomane, mandante di omicidi, mega ricicla soldi mafiosi ed azzera risparmi di una vita: Paolo Barrai del blog Mercato Libero, non per niente, nickato da tutti, nel mondo intero, come Merdato Libero. Innanzitutto scusate per il mio italiano non madre lingua un po' cosi' cosi'. Come dicono a Napule, ora mi haggia' proprio sfufa', scatena', a proposito del colletto criminalissimo Paolo Barrai nato a Milano il 28.6.1965. Facente sue continue truffe e maga ladrate da Via Ippodromo 105, Milano ( tel 02.4521842).

PAOLO REBUFFO DI RISCHIOCALCOLATO.IT ha detto...

2
Ciao a tutti. Sono Antonella Cohen consulente di Goldman Sachs Londra e Milano e faccio parte di un foltissimo gruppo di clienti truffati dall'assolutamente criminale Paolo Barrai del blog Mercato "Merdato" Libero.

Costui è davvero uno spietato delinquente. A tutti noi, uniti ora in una associazione ” risparmiatori truffati dal criminalissimo Paolo Barrai di Mercato Libero ” e siamo gia’ in cinquanta, dico, cinquanta", di tutta Italia, Inghilterra, Usa, Germania e Svizzera!

Ci fece andare corti ( al ribasso) sul mercato azionario italiano a inizio marzo 2009. Abbiam perso quasi tutti tra il 50 e il 90 per cento dei nostri investimenti. E quando lo telefonavamo per chiedere semplicemente che fare, mentre il mercato saliva rapidissimamente, egli, come un vile ratto, scappava, si faceva sempre negare al telefono. Mandavamo e mails, nessuna risposta. Citofanavamo agli uffici di ultra truffatrice, ultra malavitosa, ultra ladrona Bsi Italia Srl di Via Socrate 26 a Milano di suo padre Vincenzo Barrai, ci vedeva dalla telecamera e nemmeno ci rispondeva.
Nemmeno ci apriva il cancello di entrata. Io non sto offendendo, sto dicendo la mera verità. E fra poco la faremo sapere a fior fior di Tribunali di mezza Italia. Che i delinquenti ti debbano fare fessa, e pure non permettano replica, no eeeee. Il neofascismo e la mafia del criminale, del delinquente, del ladro, del truffatore, del professionalmente incapacissimo Paolo Barrai di Mercato Libero alias Mer-d-ato Libero, a noi non fa nessuna paura. Una truffata dal malavitoso falso e vigliacco Paolo Barrai di Mercato Libero. Antonella di Milano. PS Mi ha bruciato 700.000 euro. Tutto quello che avevo. Ma a tanti altri ha bruciato 1,2, 3,10 milioni di euro. Facendo comprare il gas naturale a 5$ e passa, che in poche settimane crollava a 2$. Senza che lui prendesse telefonate, rispondesse ad emails. Senza dare indicazione alcuna a noi clienti terrorizzati! Come uno struzzo, che dalla paura e coscienza di essere incapacissimo a livello di fiuto per investimenti, mette la testa sotto la sabbia. il verme criminalissimo Paolo Barrai o verme criminalissimo Paolo Pietro Barrai ( come in maniera fake si fa chiamare per depistare i motori di ricerca su internet), oltre ad essere il peggiore consulente per investimenti borsistici o di qualsiasi altro tipo, ove inesorabilmente sbaglia sempre, ove mai, mai e ri mai ne azzecca mezza, è un irresponsabile, codardo, ladro, truffatore, criminale, falsissimo. E mi dicono che ha pregressi, pure vari patteggiamenti di condanne al carcere. Aaa, ad averlo saputo prima e non essermi fidata della Lega Nord, di cui son parte, e che mi ha messo in contatto con sto brucia tutti i risparmi e super truffatore. Ora mi son sfogata qui. Presto lo ri faró in fronte a polizia, carabinieri, magistrati, giudici! E con me, almeno altre 50 persone! Oooo!! Non cascateci, ne scrivo proprio per questo, via dal criminale, delinquente, ladro, truffatore, professionalmente incapacissimo Paolo Barrai di Mercato Libero.

PAOLO REBUFFO DI RISCHIOCALCOLATO.IT ha detto...

3
PS
Guardate, ora, pls, che emails manda in giro il nazista, antisemita, assassino Paolo Barrai o nazista, antisemita, assassino Paolo Pietro Barrai che sia ( nato a Milano il 28.06.1965). Le seguente emails partirono tutte da sue criminalissima mercatiliberi@gmail.com e criminalissima paolobarrai@gmail.com. Ora affiancate da criminalissima tanto quanto info@wmogroup.com
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" Oggi sono andato a pisciare sulla tomba di tuo padre, piu' tardi ci vado a cagare pure. Ha fatto bene Berlusconi a farlo ammazzare, ahahahah. Grazie per farti scroccare su euro, gas naturale e caffe robusta. Io sbaglio sempre nei mercati, ma grazie a te, riesco ancora a sopravvivere, ahahaha".
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
"Presto Berlusconi e il mio Bossi, manderanno sicari mafiosi o dei servizi segreti, a Londra, a farti sparare, ahahaha. Ti scrocchiamo e poi ti spariamo pure, come si fa con un ciupa ciupa usato, ahahah. L'Italia e' nostra, e' nazifascista. A morte gli ebrei. A noi!!!"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" Speriamo che ti venga una trombosi alla gamba, ho fatto un post di solidarieta' su di te, per fingermi corretto, in realta', non vedo l'ora che ti ammazzano. Voi bastardi ebrei, o amici di ebrei, dovrete tutti crepare soffrendo"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" Ti ho fatto infiltrare da Filati del Piemonte, da Angelo Pegli, da Gianluca Gualandri, da Stelvio Callimaci, sei pieno di mie spie. Io prendo un po' di prestanome, e ti infiltro. E intanto, faccio passare per mie, idee che sono tue. E fra poco ti faro' pure sparare a Londra, ahahahah. Crepa bastardo, chi lavora con gli ebrei, deve bruciare nei forni".
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" Stelvio Callimaci sta facendo un ottimo lavoro, mi passa tutti i tuoi inputs e io li faccio passare per miei, ahahahahaah; manda inputs, manda, e io vi faccio i soldi, ahahahah; presto ti spariamo in faccia, Nista comunista di merda, Berlusconi e Bossi non si criticano, si adorano, ahahahaha; noi della Lega, presto faremo migliaia di morti"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" bravo ottimi post continua cosi'.. presto ti spariamo in faccia... Nista, sei il primo della lista, la Lega spara, ammazza, non perdona, il mondo e' nostro, della destra... Paolo Barrai ammazza, la Lega ammazza, ahaha"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" sei troppo dolce
ti sta forse leccando il culo tua ma-re!!! hahahaha, vai vai....
ma non perdere lucidita'’ per i tuoi clienti....attendono impazienti gli inputs"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" di infiltrati come stelvio e filati ne abbiamo tanti ahahahaah, e presto ti verremo a trovare a Londra, io e Michele Milla, e come facemmo con Ubaldo Gaggio, ti ammazzeremo, ahaha"

PAOLO REBUFFO DI RISCHIOCALCOLATO.IT ha detto...

4
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" non correre...la gamba potrebbe non seguirti... Nista, presto saliremo a Londra e ti spareremo in bocca.... la mia Lega non perdona, la Lega uccide, ahhaha.. e' vero, abbiamo ammazzato noi Giorgio Panto e Paolo Alberti, perche' andarono con Prodi, e presto ammazzeremo anche a te, la Lega non perdona, la Lega ammazza tantissimo... ahaha"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" credo che stai per finire...ahahahaha.. fra poco ti spariamo in bocca, Nista bastardo, Nista primo della lista, anzi no...abbiamo bisogno dei tuoi articoli da esaltato.. ti diamo ancora 15 giorni e poi ti spariamo in faccia, la Lega ammazza, Bossi fa ammazzare, prepara il testamento, sei morto, ahah"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" mi dicono che a londra stanno predisponendo un forno .....e gli manca materiale!!! vi ficchiamo dentro te e William Levi... voglio un nuovo nazismo.. voglio vedere tutti gli ebrei e chi lavora con gli ebrei, come fai te, bruciare... evviva il nazismo.. evviva la Lega, che e' il nuovo nazismo, Berlusconi muove la mafia, noi i nazisti, ahahaha"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" buona trombosi.. Nista ti ammazziamo noi, se vuoi.. crepa presto o noi del Pdl e della Lega ti ammazziamo.. come gia' abbiamo fatto con tuo padre.. Berlusconi e Bossi ammazzano, e presto lo vedrai.. Heil Hitler, Heil Mussolini, Heil Bossi, Heil Berlusconi, Heil Barrai, ahahaha"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" ahahahahaha, presto ti spareremo in faccia...Nista sei morto, Nista ti ammazzeremo, Nista sei condannato a crepare... Nista, divieni Berlusconiano, come ti volevo fare diventare un anno fa, o ti ammazziamo, Nista morto, ahaah"
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" grazie per la fantastica azzeccata su dow jones, gas naturale e per il tantissimo resto..
ahahahaha, vamos siamo forti!
non mi morire per strada!!!
come mi ha detto Don...non mi morire per strada...perche' fra poco salgo io a Londra, a scaricarti una p38 in bocca... Stefano Bassi de il Grande Bluff e io siamo assassini, terroristi neri, e presto ti ammazzeremo, ahahah"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" sempre nemici... ognuno persegue i suoi obbiettivi.... tanto tu sei condannato a morte... Berlusconi e Bossi han gia deciso: Nista come Falcone e Borsellino, Nista sparato in bocca, ahahaha"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" non ti deconcentro, scusa
devi preparar i report che cosi' ci dai gli inputs vincentissimi come sempre, scusami... dai impegnati, impegnati, che presto io, Berlusconi e Bossi, ti faremo sparare dritto in faccia, ahahaha"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" Marina Berlusconi ha gia' messo il pollice verso, Marina Berlusconi ti ha condannato a morte..ha gia' avvertito la mafia di eseguire, di ammazzarti.. e se non esegue la mafia, eseguono i servizi segreti di destra, fascisti come me, della Lega ... Nista sei un morto ormai, ahahahahah"

PAOLO REBUFFO DI RISCHIOCALCOLATO.IT ha detto...

5
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" ahahahah, passa ancora un po' di dritte che qui si fanno soldi a palate...lavora schiavo... lavora, che fra poco, Berlusconi e Bossi ti fanno sparare in bocca.. via nostre Mafia e Servizi Segreti.... non criticare mai piu' Berlusconi o ti ammazziamo, bastardo.. Berlusconi e Bossi non si criticano, si adorano.. il problema e' che Marina Berlusconi ha gia' ordinato di ammazzarti, e quella non perdona, la Lega e' il nuovo nazismo e tappa le bocche ammazzando, Nista, ormai sei morto, ahahahhah"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" salutami william levi ...lo sento bruciare...come legna sul fuoco....o meglio ...il suo cadavere puo' essere usato per il sapone, ahahahahah..presto sara' nuovo nazismo, e chiunque lavora con gli ebrei come fai te... diverra' legna per i forni, ahahahah"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" fammi qualche articolo come nel passato .....ti prego tantissimo. A natale ti regalo un forno crematorio per William... Nista, noi Berlusconiani siamo la mafia, e tu sei condannato a morte, cosi' impari a non divenire uno dei nostri, ahahahah"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" attento a chi incontri a londra....ahahahaah... dai, sei bravo, azzecchi sempre, e' vero, voglio scroccarti un po' di piu', prima di ammazzarti... Nista e Levi nei forni di Auschwitz, si, nei forni di Auschwitz, w la Lega, w il Nazismo"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" POVERO BASTARDO CHE SI PERMETTE DI ESSERE DI CENTROSINISTRA: PRESTO TI SCHIACCEREMO, LA LEGA UCCIDE, BERLUSCONI UCCIDE, IO, PAOLO BARRAI, UCCIDO, W LA LEGA, W IL NAZISMO, W LA MAFIA, E INTANTO TI SCROCCO SEMPRE"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" MI DICONO CHE DI NOTTE SULLA TOMBA DI TUO PADRE CI VANNO A CAGARE I VERMI... E ANCHE CHE PRESTO TI AMMAZZERANNO A LONDRA... FATTI SCROCCARE IN SILENZIO O IO E STEFANO BASSI DE IL GRANDE BLUFF TI FAREMO AMMAZZARE... ANCHE STEFANO BAGNOLI E' UN ASSASSINO COME NOI... NISTA, LA SENTENZA C'E', PRESTO TI AMMAZZEREMO, W IL NAZISMO, W IL PDL, W LA MAFIA, W LA LEGA, W LA CAMORRA, W LA LEGHISTISSIMA NDRANGHETA, AHAHA"
---
da criminalissima mercatiliberi@gmail.com
(ora anche criminalissima info@wmogroup.com)
e criminalissima paolobarrai@gmail.com
" sei un bastardo che si permette l'impermettibile: essere di centrosinistra! e questo basta e avanza per essere sparato in faccia, la Lega uccide, Berlusconi uccide, io, Paolo Barrai, uccido, w la Lega, e il Nazismo, w Berlusconi, w la Mafia, a noi, a noi, sei morto, ahaahaaaha"